Gruppo Sportivo Ciclistico Dilettantistico Bari - Foto

Rapallo, ricordando Franco!

 

Sono state giornate indimenticabili. Momenti di gioia, di incredulità, di gioco, di vita e di speranza.....
Non sono mancate le lacrime. Come fai a trattenerle tutte quando sei davanti alla dimora eterna di Franco Ballerini.....
Sono state queste le giornate che hanno vissuto i bambini del GSCD Bari ospiti della manifestazione Cartoons on the bike organizzata da Rai Trade in collaborazione con la Gazzetta dello Sport e la FCI.
Lo scenario è di quelli da impazzire. Partenza dalla piazzetta di Portofino, pedalando attraverso un panorama mozzafiato, arrivo sul lungomare di Rapallo.
Le squadre erano quelle di Batman, Topolino & soci e come compagni di squadra, atleti di belle ...... speranze. Si chiamavano Bugno, Chiappucci, Cipollini, Fabrizio Macchi, Max Lelli, Giorgio Di Centa, Max Blardone, Michele Bartoli, Maurizio Fondriest, Claudio Gentile, il mitico Miguelon Indurain e .... chi più ne ha più ne metta.
E’ stato un gioco durato un giorno intero, con questa pseudo cronometro a squadre composta da ex campioni (di tante discipline), manager e dai bambini delle categorie giovanili G1, G2, G3, G4, G5 e G6. Non sarà sembrato vero ai nostri piccoli eroi, vedersi di fianco un Cipollini qualsiasi.
Per alcuni di loro era la prima volta che mettevano piede in un hotel...... Una festa nella festa....
Ballerini continua a far miracoli per i ragazzini della sua scuola di ciclismo del S. Paolo. Infatti la squadra biancorossa era l’unica partecipante, non residente in Liguria, erano gli “ospiti” illustri della manifestazione. Per una volta la scena era tutta per loro, Alessio, Giuseppe, Angela, Stefania, Elisabhet, Fabio, il piccolo De Feudis e Pietro. Accanto a idoli visti in tv e sui giornali, tutti insieme a pedalare e gioire.
Cartoons on the Bike, quest’anno era dedicata (manco a dirlo) a Franco Ballerini, ma tutta la trasferta era ....dedicata al Ballero.
Di ritorno da Rapallo, la sosta era obbligata. I vivai Pistoiesi come sfondo e la città di Casalguidi, la meta. Il cuore che batte sempre più forte, man mano che ti avvicini in ...quel luogo. Li c’è il riposo eterno per chi Vi dimora, ma c’è tempesta nel cuore per chi lo visita. E in cima c’è la sua tomba, semplice, con la foto dell’ultima Roubaix, il fango sul corpo, quasi a nascondere il viso. Ma non “sentirlo e vederlo” è impossibile. Lui è dentro di noi, intorno a noi, insieme a noi e per sempre camminerà a fianco noi.
Sentire i bambini che gli leggono le letterine scritte anche da altri ragazzini, è musica vitale. E’ la prova che ce la faremo ad andare avanti e che la Scuola di Ciclismo Franco Ballerini di Bari sarà l’amplificatore privilegiato delle note della vita del Ballero.
Tutta la comunità di Casalguidi che si è stretta intorno alla rappresentativa pugliese e la presentazione in comune del progetto “Amici del Ballero” ne è la prima conferma.
Alcune società del posto ospiteranno i nostri atleti delle categorie allievi e juniores, per fargli respirare l’essenza del ciclismo toscano e dare importanti opportunità ai nostri ragazzi, con la benedizione del Comitato Regionale FCI della Puglia.
Il tutto si è svolto sotto gli occhi delle autorità di Caslaguidi, della provincia di Pistoia, del Vice Presidente FCI della Toscana, Giacomo Borghi e del presidente della Federciclismo Renato Di Rocco. E ovviamente la gente di Casalguidi. Qualche lacrimuccia per tutti, ripensando ai sorrisi che Franco ha donato a chi gli capitava a tiro.
E su quei sorrisi, ne costruiremo altri, nel nome di Franco e per i nostri ragazzi . Sarà un modo per renderlo immortale.